La lingua neutrale

13,00

NOVITÀ IN ARRIVO!

Non disponibile

Descrizione

Autore: Camilla Peruch

Alla fine della Prima guerra mondiale, assieme all’Impero Austro-ungarico, spariva nel cuore dell’Europa Moresnet, un piccolo Stato neutrale, schiacciato tra Belgio, Germania e Paesi Bassi, che nel 1908 aveva scelto di adottare una lingua al di sopra delle parti.
Non il francese, il tedesco o il nederlandese, ma un idioma facile e immediato creato da Ludwik Lejzer Zamenhof: l’esperanto. Una lingua che nell’intento del suo ideatore, non voleva offendere, non voleva sminuire o sovrapporsi agli altri idiomi nazionali, ma essere solo una sorta di arbitro imparziale per agevolare il dialogo e la risoluzione dei conflitti.
Una lingua neutrale.

Informazioni aggiuntive

ISBN

9788867670949

Pagine

80

Anno

2020

Particolari

cm 15×21 brossura con ali

Ti potrebbe interessare…