Vinta la guerra, persa la pace ⋅ISTOR⋅

12,00

Disponibile

Descrizione

Autore: AA. VV. a cura dell’Istor

La Conferenza di Parigi, che si concluse con i trattati di pace di Versailles (con la Germania) di Saint-Germainen-Laye (con l’Austria), del Trianon (con l’Ungheria), di Neuilly (con la Bulgaria) e di Sèvres (con l’Impero Ottomano), avrebbe dovuto garantire decenni, se non secoli, di armoniosa convivenza. Quello che produsse fu invece una pace vendicativa, una sorta di colossale resa dei conti fra Parigi e Berlino, con l’assenso di Londra e l’insulsa acquiescenza del parvenu americano, nella persona del vanitoso presidente Wilson.
E l’Italia vittoriosa? Alla fine non riuscì ad ottenere quasi nulla, anzi: ottenne la crisi del governo Orlando e la nascita del gabinetto Nitti. Non solo, vide preoccupata lo scatenarsi delle piazze che lamentavano la vittoria mutilata, proclamata da D’Annunzio, il quale infine marcì da Ronchi di Monfalcone su Fiume, occupandola fino al Natale di sangue del 1920. Nel paese scoppiarono proteste sociali, con i reduci delusi da una patria che li aveva abbandonati. Nel continente la pace parigina fu incubatoio del revanscismo e del nazionalismo, che sfociarono in seguito nel nazional-socialismo tedesco.
In Italia iniziò anche il culto della memoria dei caduti in quella tragedia collettiva che fu la guerra.

Informazioni aggiuntive

ISBN

9788867670833

Pagine

112

Anno

2019

Particolari

cm 15×21 brossura con ali

Ti potrebbe interessare…